Psicologa Psicoterapeuta Roma

Blog

Articoli, spunti e curiosità sulla Psicologia e la Psicoterapia

Relazione Padre - Figlia

Relazione Padre - Figlia

Perché c'è spesso ostilità e risentimento?

"Ero la cocca di papà fino a quando avevo circa dodici anni. Mi chiamava la sua principessa. Eravamo molto vicini e sapevo che ero la sua preferita. Ma ora non ci parliamo più e passa tutto il suo tempo a criticarmi!"

Lo sento molte volte l'anno da figlie inferocite, figlie arrabbiate, figlie confuse sul modo in cui le cose sono cambiate, figlie che desiderano essere amate.

Le relazioni tra padre e figlia sono delicate e talvolta si bloccano. Qualcosa sembra accadere quando una figlia arriva al suo dodicesimo o tredicesimo compleanno, qualcosa che nessuno di loro capisce abbastanza.

Mi sento triste per entrambi. Da una parte, la povera figlia non capisce cosa può aver fatto di male. Sta affrontando il difficile compito di crescere, affrontare amici e ragazzi, il ciclo, il corsi e lo sport e Facebook e un corpo che continua a cambiare... È un lavoro a tempo pieno e lei sta facendo del suo meglio, ma sembra che in qualche modo sia diventata una delusione per suo padre, criticata da lui per i suoi vestiti (troppo sexy), i suoi amici (troppi), i suoi interessi (troppo pochi), le sue ambizioni (troppo vaghe).

Le figlie non sono le uniche che lottano. I padri devono sopportare la propria disillusione con una figlia che una volta sembrava perfetta, ma che ora risulta avere limiti, che commette errori, che a volte può essere superficiale e persino crudele. I padri devono sopportare quando, in modo appropriato, lei comincia a discutere, lasciando che i padri sentano di non essere più importanti, che il loro consiglio è apparentemente ora stupido e sbagliato, che essere protettivo non è assolutamente necessario e che una coccola sarebbe abbastanza fuori luogo. Il rigetto fa male.

Penso che sia importante che i padri prendano la loro "punizione": non è così personale come si può pensare. Le figlie non smettono di aver bisogno dei loro padri, ma ne hanno bisogno in modo diverso. Hanno bisogno che i padri ci siano, che siano forti ma anche che ascoltino e si fidino. Hanno bisogno di loro per capire che le cose stanno cambiando, che le cose devono cambiare e hanno bisogno che i loro padri siano felici di questo. Soprattutto hanno bisogno di loro per realizzare che non sempre tutto gira intorno a loro.

Coppie infelici e difficoltà di separazione

Studi

Via Giuseppe Giulietti, 11 - Roma
(Piramide)
Dal lunedì al sabato
Tel. 06 5759420 - 06 5758068

Via Menandro, 10 - Roma
(Eur - Axa)
Venerdì pomeriggio
Tel. 06 5759420 - 06 5758068

Si riceve su appuntamento

Richiedere appuntamento

Come raggiungere gli studi

Seguici sui social



Dichiarazioni

Mappa del sito